Anna Ascani

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (4/17520) sulle disparità tra le classi di concorso per cattedre e posti di insegnamento

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-17520
presentato da
ASCANI Anna
testo di

Venerdì 28 luglio 2017, seduta n. 844

 ASCANI E BOCCADUTRI — Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca . — Per sapere – premesso che: 
il decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 2016, n. 19, con il quale è stato adottato il Regolamento recante disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento, a norma dell'articolo 64, comma 4, lettera a), del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, ha affidato l'insegnamento della chimica nel primo biennio degli istituti tecnici, oltre che alla classe di concorso A-34, anche alla classe di concorso A-50; 
con la nota n. 5499 del 19 maggio 2017 il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca fa presente che è stato adottato il decreto ministeriale n. 259 del 9 maggio 2017, che dispone la revisione e l'aggiornamento della tipologia delle classi di concorso per l'accesso ai ruoli del personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado come previste dal decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 2016, n. 19; 
poiché gli interventi correttivi in esso contenuti sono direttamente funzionali allo svolgimento di tutte le operazioni propedeutiche all'avvio del prossimo anno scolastico 2017/2018, il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ha trasmesso le tabelle in allegato al decreto sopra indicato che individuano, altresì, la corrispondenza tra le discipline contenute nei quadri orari di cui ai decreti del Presidente della Repubblica n. 89 del 2009, n. 87 del 2010, n. 88 del 2010 e n. 89 del 2010 e le classi di concorso di cui al previgente ordinamento ed al decreto del Presidente della Repubblica n. 19 del 2016 (ciò proprio in considerazione della necessita di consentire nell'immediato la definizione dell'organico dell'autonomia e di assicurare conseguentemente l'ordinato svolgimento delle procedure di reclutamento del personale docente); 
anche a causa delle procedure di reclutamento introdotte con la legge n. 107 del 2015, le suddette modifiche comporteranno la perdita della maggior parte dei posti per la classe di concorso A-34 (già notevolmente ridotti dalle norme degli ultimi anni), con grave pregiudizio, degli studenti, che vedranno la chimica insegnata da docenti laureati in biologia o in possesso di lauree con scarsa affinità alle scienze chimiche, per gli interroganti senza dunque alcuna competenza specifica (in contraddizione con le specificità, per esempio, degli istituti tecnici che emergono dalla quota di autonomia a seconda del territorio e dei vari tipi di distretti industriali); 
la misura rischia di pregiudicare la conoscenza di un settore, quello della chimica, centrale per l'espansione del tessuto industriale del Paese –: 
quali iniziative la Ministra interrogata, per quanto di competenza, intenda intraprendere per assicurare la non estinzione della classe di concorso A-34, il potenziamento dello studio della chimica, necessario per lo sviluppo del tessuto economico del Paese. (4-17520)

Per vedere l'atto originale, clicca QUI


TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO -DESIGN BY ART METIS AGENZIA PUBBLICITARIA © COPYRIGHT 2013-2017 ANNAASCANI.IT -ANNAASCANI.EU- ALL RIGHTS RESERVED

Back to top