L. Bilancio, Ascani (Pd): Cultura al centro di politiche economiche

Roma, 22 dic. (LaPresse) - La deputata democratica Anna Ascani, responsabile del Dipartimento Cultura del PD, commenta l'approvazione da parte della Camera della Legge di Bilancio e i provvedimenti di politiche culturali in essa contenuti.

"La Camera - dichiara Ascani - ha approvato una Legge di Bilancio che destina notevoli risorse per la cultura, coerentemente con l’idea del PD per cui si tratta di un settore economico strategico per il nostro Paese. In particolare, in commissione Cultura, la Legge è stata emendata con proposte che hanno potenziato la centralità delle politiche culturali. Tra le varie misure – continua Ascani - si sono accresciute le risorse per il patrimonio pubblico di opere d'arte contemporanea, si sono reintrodotti i contributi per la tutela delle dimore storiche, si è aumentato il finanziamento per le fondazioni lirico-sinfoniche, si è introdotto un credito d'imposta destinato alle librerie, specialmente quelle piccole, riconoscendone l'imprescindibile ruolo sociale. In particolare, poi – conclude Ascani - è stato approvato un mio emendamento con cui si dà legittimità formale a un settore economico importantissimo per il nostro Paese, quello dell’impresa cultura e creativa, e lo si supporta materialmente tramite un credito d’imposta del 30% per attività di sviluppo, produzione e promozione di prodotti culturali. Sono soddisfatta, quindi, che questa Legge di Bilancio rifletta la nostra idea di cultura al centro della società e dello sviluppo".