@Anna Ascani - "Senza Maestri - Storie di una generazione fragile"

Care Amiche e cari Amici,
 
ho una notizia molto molto importante da darvi! 
Chi mi conosce sa che ho impiegato tre anni per scrivere queste pagine. Cancellando e riscrivendo più volte. Se avessi potuto avrei continuato a farlo per chissà quanto tempo, senza mai essere davvero soddisfatta. Perché raccontare una generazione da un osservatorio speciale e privilegiato come quello che ho avuto l’onore di abitare per sei anni non è semplice. Si rischia di cedere alle tentazioni uguali e contrarie del paternalismo e del giovanilismo. Si rischia di cedere alle generalizzazioni o all'autocommiserazione.
Spero di essere riuscita ad evitarlo.

Ho provato a parlare dei giovani di questo Paese lasciando che fossero loro a raccontarsi e limitandomi a tratteggiare l’habitat che ci ha condizionati e ci condiziona, ma soprattutto ho provato a dare un ruolo alla Politica nel relazionarsi con questa generazione: affermare e riaffermare il diritto alla fragilità. Oltre i superuomini oltre la cultura dello scarto.

Un’ultima cosa: nel raccontare i miei coetanei e il mondo intorno a me naturalmente questo libro dice molto anche di quello che sono io. Ed è questa forse la cosa che più mi emoziona e, insieme, mi preoccupa.

Il 4 luglio è uscito in libreria. In ogni caso lo troverete, insieme a me, in molte città d’Italia dove abbiamo pensato di presentarlo con tanti amici che me lo hanno chiesto. 

Comincia una nuova bella avventura. 
Spero vogliate condividerla con me!

Ps: voglio dire grazie ai protagonisti di questo libro, a tutti quelli che lo hanno letto in anteprima dandomi suggerimenti e consigli, a chi mi ha sopportato e supportato quando dicevo che non volevo più pubblicarlo.
E grazie a Matteo Renzi che ha accettato di scriverne la prefazione. 
Un regalo grande e bello.

Un caro saluto

Anna