#DisoccupazioneGiovanile

Stop alla disoccupazione giovanile: Anna Ascani prima firmataria di una mozione unitaria.

"Consapevoli che i margini di intervento dei singoli stati membri sono risicati, sollecitiamo che il prossimo consiglio europeo del 27 e 28 giugno affronti il problema con misure decise"

Stop alla disoccupazione giovanile. La deputata umbra Anna Ascani è la prima firmataria di una mozione unitaria, che verrà presentata in conferenza stampa domani (giovedì 13) alle 12, sul tema della disoccupazione giovanile, formulata alla vigilia del vertice europeo sul lavoro del 14 giugno a Roma, e sottoscritta da tutti i deputati under 35 appartenenti ai gruppi del Partito Democratico, PdL, Scelta Civica, Movimento 5 Stelle, Lega Nord e Gruppo Misto. “La mozione – dichiara la Ascani – muove dalla presa di coscienza della drammatica situazione della disoccupazione giovanile in Europa (40,5 % in Italia, punte del 60 % in Grecia) e dalle sempre più diffuse demotivazione e sfiducia verso formazione e mercato del lavoro, che tanto più colpiscono le generazioni più sensibili al tema dell’unità europea, minandone pertanto le fondamenta.”

Abbattere il “costo dell’ignoranza” “Consapevoli - conclude la Ascani – che i margini di intervento dei singoli stati membri, tanto più se sottoposti a vincoli per il risanamento di bilancio, sono risicati, e che l’intempestività sul tema rischia di innescare un circolo vizioso recessivo, sollecitiamo che il prossimo consiglio europeo del 27 e 28 giugno affronti il problema con misure decise, sia sul breve che sul medio termine, in particolare per adeguare il nostro livello di istruzione nazionale, abbattere il “costo dell’ignoranza” ed utilizzare la conoscenza come perno per la ripresa economica”.